Home

TOO MANY KEYS, il primo album di Barba Negri Ziliani è ora disponibile. Clicca sul nome dell’album nel menu.

Ordina la tua copia di TOO MANY KEYS. La riceverai direttamente a casa tua.

“[…] Lanciati in un’operazione di ricerca, volta ad esplorare le potenzialità e le possibilità di questo genere, i tre affrontano una rilettura in chiave jazz di spunti diversi, che vanno dalla musica classica fino al pop rock.
Il risultato è un fusion con notevoli influenze classiche, piacevole all’ascolto anche per chi non è solito bazzicare questo genere. Il merito di questo esito felice va ricercato in un’esecuzione strumentale dall’enorme precisione che rende l’esperienza di ascolto rilassante ed emozionante.”

Marco E. Airoldi, RockIt

TOO MANY KEYS

Quando Nicola, Federico e io siamo entrati in studio nei primi giorni del luglio 2019, avevamo alle spalle alcuni anni di intensa attività concertistica; dopo i primi concerti insieme abbiamo subito cominciato a discutere di un’eventuale registrazione in trio. L’interplay, la sinergia di idee e la profonda amicizia che ci lega è alla base del nostro lavoro. Conosco Nicola e Federico da circa dieci anni e ho condiviso con loro momenti importanti, musicali e non.

Suonare con loro ha per me lo stesso valore che hanno quelle cose fatte con gli amici. I brani contenuti in questo disco sono stati pensati e scritti per essere suonati da questo trio. Abbiamo curato la scrittura, la registrazione e la post-produzione insieme, cercando di plasmare un pensiero comune, un’idea motrice della nostra ricerca.

Vogliamo guardare oltre questo periodo difficile con consapevolezza. Speriamo che il nostro trio possa continuare presto la propria ricerca.
Saremo felici ancora di condividerla con voi.

Abbiamo deciso di rendere disponibile il nostro disco dopo un periodo di silenzio, in seguito alla cancellazione dei nostri concerti di presentazione a causa dell’emergenza COVID-19; lo potete trovare nella sezione TOO MANY KEYS o scrivendoci un messaggio nella sezione Contatti.

Grazie per sostenere la nostra musica.

Riccardo